Se il tuo business non va come vuoi, non è colpa degli altri.

PENSACI.

La prima cosa che avrai pensato leggendo il titolo è ma chi è questo qua? Ma cosa ne sa lui di tutti i problemi del mercato attuale!” poi “ah ma tanto per il lavoro che fa lui è semplice andare bene”.

Ecco iniziamo da questo ultimo punto: ho passato i primi anni della mia “carriera” a imparare linguaggi di programmazione e ogni volta che arrivavi a poter dire di essere un esperto, tac, il progresso richiedeva un nuovo linguaggio e dovevi ripartire da 0 e qualcuno era più avanti di te. E’ successo 3 o 4 volte nei primi 10 anni.

In 6 anni come libero professionista ho dovuto cambiare strategia e offerta ogni massimo 12 mesi. Differenziarmi dalla concorrenza e capire cosa serve ai clienti e cosa cercano, sempre, altrimenti finisci per essere considerato come tutti gli altri che parlano e non fanno risultati.

Il problema

Il mondo “moderno” è sicuramente difficile per tutte le persone che hanno una attività: globalizzazione, internet, concorrenza, economia, nulla è come una volta non basta alzare la serranda e aspettare i clienti, i bei tempi, gli anni 80, sono finiti, oggi poi i cambiamenti e le mode sono sempre più veloci.

Ma la cosa più sbagliata che si possa fare è dare la colpa agli altri o alla situazione, perché se il mercato ve le sta suonando o picchiate più forte dei vostri concorrenti o tanto vale cercarsi un mercato meno aggressivo. Ma se porgete l’altra guancia non vi lamentate della situazione.

Partire dal dire “sono responsabile”, almeno in parte, è il miglior inizio per trovare una soluzione e cambiare direzione, perché vuol dire essere consapevoli che noi possiamo trovare una soluzione, se pensiamo che la colpa sia degli altri è come se aspettassimo che fossero gli altri a chiederci scusa e correggere il tutto.

E se stai pensando “ma io non ho fatto nulla” allora pensa che hai deciso di non decidere. Quindi hai fatto qualcosa.

Le soluzioni

Ok ma non siamo qui a fare nessun processo a nessuno quindi adesso vediamo come possiamo migliorare.

Che tipi di problemi possono esistere che non ti permettono di far raggiungere i risultati sperati?  Ti invito a rivedere la Regola#1 per fare un minimo di analisi e punto di partenza.

La cosa forse meno problematica è quando mancano i clienti ma sai che quelli che offri, il prezzo e il rapporto prezzo/qualità è negli standard del mercato, perché si tratta di fare marketing per davvero, capendo quali sono i canali migliori tra i canali digitali (Google o social) e i canali fisici. Quando guadagni visibilità matematicamente guadagni clienti, magari nel tuo negozio o attività arriveranno anche clienti non giusti (non in target), ma quello vuol dire lavorare poi per filtrare e migliorare l’acquisizione.

Quando il tuo mercato è “distrutto” dalla concorrenza che ha portato i prezzi in una fascia di non guadagno allora bisogna spostarsi e riposizionarsi trovando il così detto Oceano Blu ovvero una fetta di mercato dove non c’è concorrenza, qui diventa un discorso di strategia (per capire come puoi modificare quello che offri e/o verso quale nicchia specializzarti) e di creatività (inventarsi qualcosa), ma sappiamo benissimo che c’e’ una fascia di persone che sono disposte a spendere di più per avere quello che desiderano. Bisogna sempre capire la psicologia di acquisto, capire qual è il nostro valore aggiunto che diamo al cliente e quali sono le cose uniche che proponiamo per differenziarci dal resto della concorrenza.

E’ poi importante che tu comunichi il valore dei quello che fai o vendi, a volte il valore percepito è diverso dal valore reale e tu potresti essere anche il/la migliore del tuo campo ma se questo valore non viene percepito non ti verrà riconosciuto.

Ricapitolando

Questi sono solo spunti su un argomento molto vasto che verrà trattato nei vari articoli futuri, la cosa importante è affrontare il mercato e non fare le vittime, quando un cliente mi dice “è tutta colpa di quello in fondo la via che fa i prezzi più bassi e mi porta via i clienti che non capiscono che io lavoro meglio di lui” è il momento di disegnare una strategia per

  1. Cambiare mentalità
  2. Sapere che se un cliente ti lascia perché attratto da un tuo concorrente vuol dire che non ti stava apprezzando.
  3. Far capire il proprio valore e che abbiamo qualcosa di unico non comparabile
  4. Guadagnare visibilità per farsi conoscere da nuovi clienti.

Se stai fermo, senza provare almeno a capire ogni strumento se ti può servire e che tipo di beneficio ti potrebbe dare, la colpa non potrà mai essere degli altri.

Che benefici puoi avere scalando le posizioni nei risultati di Google? E quanto sarebbe difficile farlo? Oppure quanto ti costerebbe acquisire clienti tramite pubblicità su Google o Facebook?

Quanto potresti migliorare le vendite analizzando i tuoi dati e quindi sapendo cosa quale sarebbe la proposta migliore per ogni cliente?

Il miglioramento dico sempre che è come andare in montagna è un percorso in salita che chiede uno sforzo ma che alla fine ti saprà premiare.

Se pensi che quanto scritto sopra non si possa applicare alla tua attività allora ti invito almeno a rileggere attentamente, se pensi che forse una speranza c’è allora inizia a pensare ai risultati che vorresti, io ti potrò dire se e come si possono realizzare e ti basta cliccare qui per farlo

To be continued…

E’ SOLO L’INIZIO NON PERDERTI LE PROSSIME PUNTATE